Tesi di laurea / Prova finale

La prova finale per il conseguimento della laurea in Comunicazione e media contemporanei per le industrie creative consiste nella stesura individuale di un elaborato scritto, non inferiore alle 40 cartelle,  inquadrato nell’ambito di uno degli insegnamenti previsti, su un argomento concordato tra lo studente e un docente relatore. Quest'ultimo, a sua discrezione e in accordo con il laureando, ha facoltà di coinvolgere un correlatore.
Lo studente concorda con un docente l’argomento di tesi e il tipo di elaborato da svolgere, scegliendo fra tesi compilativa e tesi di ricerca/tesi sperimentale.
 
Rientrano nella tipologia della tesi compilativa: una breve relazione riassuntiva e ragionata su un argomento con succinta bibliografia; una rassegna ragionata sulla letteratura esistente (con particolare riferimento alle riviste nazionali e internazionali a disposizione presso la biblioteca di dipartimento); un approfondimento teorico dell’esperienza di tirocinio. In ogni caso, l'elaborato dovrà avere sufficienti caratteri di rigore e originalità.
 
Rientrano nella tipologia della tesi di ricerca / tesi sperimentale tutti i lavori di carattere progettuale, teorico, metodologico, storico o altro, il cui disegno critico o la cui conduzione sperimentale mostrino notevoli caratteri  di rigore e originalità.
 
Entrambe le tipologie di tesi possono essere svolte in qualsiasi disciplina, a scelta dello studente e previo accordo con un docente. Gli elaborati dovranno essere indicativamente di 40-50 cartelle; nel caso di progetti, essi dovranno essere corredati da almeno 20 cartelle di illustrazione del progetto e da una bibliografia adeguata sull’argomento trattato
 
Nella stesura dell'elaborato, gli studenti dovranno seguire le norme redazionali che saranno pubblicate sul sito del corso, salvo diverse indicazioni date dal relatore, inerenti alla specifica disciplina.  
 
La discussione dell'elaborato prevede una breve presentazione da parte del relatore che introduce il candidato ed esprime il suo giudizio dell’elaborato. Il candidato successivamente espone la sua tesi brevemente e risponde ad eventuali domande della commissione o del correlatore (se presente). La commissione stabilisce il voto finale in accordo con il relatore e con il correlatore (se presente).  
 
Gli elaborati dovranno essere scritti in italiano.
 

Sono previsti punti addizionali per chi ha frequentato l' Erasmus (1) e per chi si laurea in corso (1). Tale punteggio verrà assegnato d'ufficio. Sono poi previsti da 0 a 5 punti attribuibili dalla commissione in base alla qualità dell'elaborato e delle presentazione da parte del candidato.

Di seguito le norme da rispettare nella compilazione della tesi